Storia!!! I ragazzini terribili di mister Kolec hanno scolpito nella pietra una pagina di storia vincendo a Trieste per la prima volta in 43 anni di vita del nostro sodalizio, riuscendo nell’impresa più volte fallita nel corso di tutti questi anni. Certo, la vittoria di ieri non valeva per la vittoria dello scudetto come in altre epoche pallamanistiche e la strada verso la salvezza in questa stagione rimane lunga e tutta in salita ma il sapore dell’evento storico e dell’aver fatto qualcosa ritenuto quasi impossibile rimane, anche in virtù del momento difficile che stava attraversando la squadra dopo il filotto di sei sconfitte consecutive.
Proprio come pronosticato dalle parole di Davide Kolec in settimana, questa è una squadra in grado di stupire sempre, nel bene e nel male, e di battere qualunque avversario, capace magari di spaventare la capolista Bolzano sul proprio terreno e di perdere al Tacca contro avversari abbordabili per poi andare appunto a Trieste a vincere.
E soprattutto di farlo con una autorevolezza ed una sfrontatezza come quella messa in campo al Chiarbola, imponendo il proprio gioco ed il proprio ritmo agli avversari fin dai primi secondi di gioco e di portarsi avanti di 5 reti (9-14) all’intervallo. Ma soprattutto, e qui sta la novità positiva, è stata capace di controllare il ritorno di fiamma dei giuliani, che forse avevano inizialmente sottovalutato l’incontro con gli amaranto, capaci di riportarsi a -1 dopo una lunga rincorsa nella ripresa ma i nostri giovani guerrieri mantenevano i nervi saldi e gestendo con intelligenza gli ultimi possessi palla della partita riuscivano nell’impresa storica fissando il punteggio sul 24-26 finale.
E la gioia dell’intera Cassano può finalmente esplodere, magari con anche qualche lacrimuccia di chi ha calcato il campo qualche anno fa e contro il Trieste ha sempre raccolto poco, e siamo convinti di aver procurato un sorriso anche al Presidente Mario Tacca che da qualche parte lassù continua a vegliare su tutti i ragazzi in casacca amaranto.