Con le finali nazionali di Misano di questo week-end possiamo dichiarare conclusa la stagione agonistica 2017/2018.
Dire che si è trattato di un anno speciale è forse riduttivo. Cassano Magnago ha centrato la totalità degli obiettivi posti a inizio stagione andando oltre le più rosee aspettative: promozione al campionato seniores maschile a girone unico, “triplete” in verticale con i 3 titoli under 19, 17 e 15 maschile e “triplete” in orizzontale per i tre titoli consecutivi degli U15 tutti risultati mai raggiunti nella storia della nostra federazione, un secondo posto per le U15F, un bronzo per le u19F ed un bellissimo terzo posto nel campionato della seniores femminile e la conquista dello scudetto nel campionato italiano di beach handball seniores femminile.
Tali traguardi sono il risultato dell’enorme impegno profuso da atleti, allenatori, dirigenti e genitori. In particolare alla passione ed alla visione strategica del general manager Massimo Petazzi hanno fatto eco la passione ed il lavoro immenso degli allenatori e degli atleti, che hanno a loro volta trovato supporto in un incredibile numero di volontari tra dirigenti, genitori e simpatizzanti.
Non sarà facile riuscire a ringraziarvi personalmente con questa lettera, ma voglio provarci lo stesso, cercherò di impegnarmi a fondo così come hanno fatto i nostri atleti quest’anno. Tuttavia nel caso scordassi qualcuno chiedo scusa già da adesso, non fate mancare di farmelo notare, sarò ben lieto di integrare la presente.
L’inizio della stagione della seniores maschile ha fatto subito ben sperare ma successivamente le cose si sono messe male, la squadra continuava a perdere. Mettere in dubbio l’intero progetto era un’opzione facile e “qualcuno” vi ha fatto anche esplicito riferimento. Fa specie ancora oggi pensare come siano cambiate le cose al punto tale di vincere tutte le partite successive guadagnando l’accesso alla serie unica nazionale. Tutto ciò è successo perché è venuta fuori una cosa che quasi sempre il vero motivo della vittoria: la squadra.
Quando parlo di squadra faccio ovviamente riferimento in primis ai giocatori, però è doveroso evidenziare che la squadra è diventata la società stessa incluse le appendici più remote. Tutti senza esclusioni si sono stretti attorno ai 14 in campo e il sogno è diventato realtà. Ricordo ancora alcune partite nel nostro Palazzetto Tacca quando ho potuto sentire nel cuore cosa possono fare i sostenitori, quale phatos si possa creare, un’emozione così forte che ancora oggi al solo ricordo mi accelera il battito cardiaco. Questa è stata la stagione nella quale abbiamo battuto le squadre più forti tra cui Bolzano e Trieste, squadre con budget e giocatori ben più quotati di noi. Questa è stata la stagione nella quale le giovani promesse del vivaio sono state chiamate a difendere i colori della società, questa è stata la stagione nei quali i giovani hanno risposto alla chiamata. I giovani però non avrebbero potuto cogliere l’occasione se non ci fossero stati i compagni più grandi, che grazie alla loro esperienza ed al maggior minutaggio hanno saputo creare la situazione adatta affinchè tutto ciò potesse avvenire. Giovani e meno giovani hanno poi saputo mettere in campo un fattore comune: la grinta. Hanno voluto con tutta l’anima entrare nella serie unica e così è stato. Vi voglio ringraziare personalmente ragazzi: Marco La Mendola, Ivan Ilic, Marco Calandrino, Nicola Luoni, Obrad Rokvic, Ivan Scisci, Sasa Milanovic, Marco Fantinato, Mattia Dorio, Gabriele Saitta, Thomas Bortoli, Matteo Bellotti, Giacomo Decio, Marco Cenci, Stefano Bassanese, Massimiliano Possamai, Dmitri Gallazzi, Denys Gallazzi.
Per le ragazze la strada è stata simile, molte giovani chiamate nell’arena del campionato nazionale hanno saputo rispondere con grinta e coadiuvate dalle più grandi hanno saputo tenere alto il nome della Pallamano Femminile Cassano Magnago. Allora ragazze vi dico grazie, personalmente, ad ognuna di voi: Milica Milanovic, Arianna Ponti, Lisa Ponti, Michela Cobianchi, Lauretta Bagnaschi, Zorica Jovovic, Guendalina Madella, Bianca Barbosu, Erika Canziani, Rebecca Gheller, Alessandra Bassanese, Eva Brogi, Gloria Montoli, Casara Camilla, Bianca Del Balzo, Greta Beltrame, Dinolfo Aurora, Mara Ferrazzi, Camilla Pulsinelli, Beatrice Pugliara, Miryea Bertani e Rebecca Romualdi.
Allo stesso modo ringrazio tutti i giovani e le giovani delle under, tutti indistintamente, quei giovani che sono stati riconosciuti anche con numerosi premi individuali, quei giovani che renderanno ancor più grande la nostra società.
A consentire di traguardare l’obiettivo di cui sopra occorre citare un elemento fondamentale: Davide Kolec. Davide è dannatamente giovane e questo spesso è motivo delle nostre animate “discussioni”. Egli ha saputo dimostrare di saper far tesoro di ogni singola situazione, di ogni singola parola e spesso anche di ogni singolo sguardo. A mio parere le sue più grandi doti sono la curiosità e l’essere ambizioso che unite alla sua già ampia e crescente cultura tecnica di fatto lo proiettano verso un futuro molto radioso. Davide ha creato una cultura dell’allenamento, ha proiettato la società verso l’adozione delle specifiche dettate dalla pallamano moderna. Infine non posso non rimarcare l’enorme energia interiore di cui ho fatto esperienza diretta e che ha alimentato ed alimenta anche i miei obiettivi personali.
Insieme a Davide devo sottolineare la grande crescita di Matteo Bellotti, anche lui proiettato verso una carriera di allenatore di livello, anche lui fautore della pallamano moderna anche lui grande protagonista dei risultati dei nostri ragazzi.
Chiudo il settore allenatori e ringrazio per il settore maschile Antonio Utracchi per la preziosa presenza con le squadre under 15, 17, 19 e per la conquista del trofeo CONI alla finale nazionale di Senigallia ad inizio stagione con la nostra under 15. Poi Zorica Jovovic, Sasa Milanovic, Dóra Czigány, Guendalina Madella, Silvia Beltrame per l’importante lavoro svolto nel settore femminile e insieme a loro ringrazio Lucia Parini per aver allenato i portieri in modo professionale e continuativo. Infine vanno menzionate Nikolina Vejin e Patrizia Luoni per l’incessante e continuo lavoro che fanno con i più piccoli nelle scuole e ovunque ci sia necessità di diffondere l’amore per la pallamano che accende la fiamma infinita. Ringrazio ancora Silvia Beltrame anche per l’annuale evento dell’HandBall4all che vede coinvolti centinaia di piccoli atleti in erba.
Federico Petazzi, attivo nell’accompagnare i giovani atleti in erba nelle varie kermesse provinciali oltre al lavoro di diffusione del gioco della pallamano negli oratori.
Nell’area dirigenti una menzione d’onore va a persone senza le quali non sarebbe possibile portare avanti questo enorme lavoro: Mario Saporiti, Walter Crestani, Rosella Nidoli, Severino Bassanese e Marco Facchetti. Essi rappresentano l’essenza della storia, della dedizione e della passione della pallamano a Cassano. Sono ovunque, al tavolo per i referti, in ufficio a preparare elenchi gara, curano i materiali tecnici, si occupano ogni anno di fare promozione al Ca.ro sport e molto molto altro ancora. Ovviamente ringrazio loro anche in rappresentanza di tutti i dirigenti di cui la società si compone e che a vario titolo danno una mano anche sporadicamente.
Un grazie speciale va a Massimiliano Battaglia, che spesso chiamo fratello, anch’esso animato da sempre per la passione per questo sport. Ha sostenuto gli allenatori, ha realizzato la nuova area ristoro, ha reso possibile tanti sogni e tante idee. Lo ha fatto con il lavoro, con il sacrificio e sottraendo ore di lavoro per dedicarle alla pallamano e spesso lo ha fatto anche solo per fare piacere a me, perché lui è come il pane caldo del mattino!
La possibilità di avere un’area dove poter offrire ristoro agli atleti ha preso vita grazie al sostegno di molte persone sia con il lavoro che con donazioni di strumenti utili al progetto, devo ringraziare a tale proposito: Domenica La Bruna per le opere in lattoneria, Fabio Moro per imbiancatura e supporto generale, Claudio Casarotto per materiali e lavori su impianto elettrico, Massimiliano Bonora per interventi di sgombro e preparazione dell’area, Davide Cenci per supporto generale, Massimo Bortoli per la posa delle piastrelle, Claudiu Barbosu per le porte antipanico.
Nella nuova area ristoro però nulla accadrebbe senza l’opera costante dei volontari. In primis devo ringraziare mia moglie Oriana Cagnin che si occupa della logistica e coordina il gruppo, ogni volta è in grado di “inventarsi” soluzioni alle nostre richieste, anche quelle dell’ultimo secondo. Grazie al suo prezioso tempo ed alla dedizione che ci mette la Pallamano Cassano è in grado di offrire la massima accoglienza alle squadre di casa ed a quelle ospiti. Insieme a lei vanno ringraziate preziose risorse come: Nicoletta Tomasini, Massimo Bortoli, Davide Cenci, Eden Benazzi, Paola Romeo, Stefania Perazzolo, Marzia Maculan, Cristina Zanonato, Daniela Ambrosetti, Massimiliano Bonora, Davide Milan, Debora Todeschini, Simona Barbosu, Barbara Bau, Maria Maioriello, Giorgio Possamai, Monica Salini, Carmen Camalleri, Giorgia Gini e Antonio Pagliaro. A voi bisognerebbe farvi una statua per tutte le ore che avete reso disponibile, per tutti i piatti serviti, per tutte le torte preparate a casa vostra e offerte agli atleti, per ogni cosa che avere fatto solo per aiutare, a prescindere dal fatto che il proprio figlio fosse coinvolto o meno, anzi spesso non potendo vedere il proprio figlio giocare. Grazie di cuore.
Davide Cenci lo devo ringraziare anche per molte altre cose, egli ha spesso rinunciato al tempo con la famiglia, che peraltro non vede spesso date le innumerevoli trasferte di lavoro, per far si che potessero accadere cose che altri non avrebbero potuto fare: lo ricordo ancora oggi sulla scala mentre posiziona le casse del nuovo impianto audio del palazzetto, oppure al commento durante le finali under ed in mille altre situazioni…a te un grazie speciale.
Giungiamo al settore Media Division. Qui gioco in casa e sento un particolare trasporto. Circa 2 anni fa siamo partiti con la nuova attività di comunicazione che ad oggi è cresciuta al punto tale da rappresentare un indice di riferimento per tutte le società di pallamano in Italia. La Media Division è composta da persone straordinarie come Cassio Preti, Luca Basile, Davide Bianchi, Niccolò Luongo, Valentina Bigai, Monica Battaglia e Peo Moroni.
Cassio Preti che faceva parte della prima formazione storica delle acciaierie Tacca oggi è una delle voci dei nostri live. Una voce esperta che spesso anticipa quanto sta per accadere in campo e che sa celebrare ogni gesto tecnico con la sua inconfondibile verve.
Luca Basile, un amico d’infanzia ritrovato, una presenza costante, professionale e sagace. Luca da tanto: gestisce il sito istituzionale, ha ideato la quasi totalità dei nostri contenuti multimediali, ispira e spinge fortissimo per la diffusione della voce della pallamano Cassano.
Davide Bianchi, giovanissimo, un figlio per me. Instancabile uomo delle dirette: gestisce la parte tecnica, le riprese, i video, gli effetti e spesso commenta in solitaria: un eroe.
Niccolò Luongo voce delle presentazioni delle squadre durante gli incontri casalinghi, ideatore di molti dei motti che oggi usiamo per caricare le nostre squadre, come l’ormai inno di battaglia “il cielo è amaranto”.
Valentina Bigai, apprezzata voce rosa dei commenti in diretta, l’unica vera professionista del gruppo, fautrice di molti dei video dei tornei under e dell’Handball4all.
Monica Battaglia, sinonimo di musica, intrattenimento ed eventi di ogni genere. Anche lei in qualità di ex-giocatrice è animata dal fuoco della passione per questo nostro sport e sa trasformare ogni partita dei nostri ragazzi in un momento di grande divertimento.
Il gruppo della Media Division ha raggiunto importanti traguardi nel 2018: oltre 4.000 like sulla pagina tutti organici, centinaia di live di tutte le categorie, altissimi livelli di interazione social.
Peo Moroni, autore di splendide foto, magari in modo non continuativo dati i tanti impegni ma sempre gradito. Sono sue le foto dove meglio si possono apprezzare lo stato d’animo di giocatori, allenatori e dirigenti durante le partite, sue sono le foto dove vengono fermate le più belle azioni dei campionati i più bei gesti atletici e tecnici.
Ringraziamento particolare anche per Paolo Zanovello, Sergio Da Campo e Renato Zanovello. Presenti da sempre a loro si deve molto rispetto al punto in cui siamo arrivati. In particolare Renato recentemente ha avviato una importante iniziativa social, un gruppo su FB con l’intento di avvicinare nuovamente tutti coloro che nelle varie epoche hanno frequentato la Pallamano Cassano ed il palazzetto Tacca. L’intento è quello di allargare il gruppo di supporto perchè è più semplice trovare affinità con coloro che, anche se per un periodo ridotto, si siano appassionati alla pallamano e ne abbiamo provato l’emozione. Il gruppo ha già superato i 300 membri e siamo solo all’inizio.
Menzione particolare per Carlotta Braggion, che per tutta la stagione ha reso disponibile l’accesso all’area ristoro, consentendo così ad atleti di potersi rifocillare dalle intense sessioni di allenamento. Carlotta ha saputo gestire scuola e impegno societario con grande capacità e sacrificio, forse mettendo anche in gioco un po’ del risultato scolastico. Dalla prossima stagione si dovrà ridurre il suo impegno che probabilmente coordinerà insieme ad altro volontario, si perché quando ci si avvicina alla pallamano si fa fatica ad abbandonare.
E poi ci sono coloro che vigilano sullo stato di salute degli atleti che affrontano le partite in casa, una vera dimostrazione di volontariato e professionalità: Dott. Mauro Zaffaroni, Dott. Manlio di Falco, Dott. Renato Ruggeri, Dott. Stefano Pozzi, ed i fisioterapisti dello Studio Fisioterapico Salute e Sport Fabio Colombo e Christian Pedratscher. Grazie infinitamente per il vostro costante supporto.
Occorre menzionare anche Mariella Martelli e Massimo Gallazzi per la disponibilità a gestire il tavolo, non tutte le partite offrono lo stesso spettacolo, ma loro stoicamente presenziano segnando punti e compilando referti. Grazie davvero.
Ora la domanda sorge spontanea: ma chi guida i pulmini nelle mille trasferte? Risposta: tra coloro che per certo hanno dato maggiore disponibilità in questo quasi a divenire una sorta di seconda attività sono Roberto Fantinato e Claudio Taglioretti (detto Iaio). La disponibilità e km percorsi sono incalcolabili. Grazie davvero, gli scudetti under e ogni altro risultato sono anche vostri.
Dobbiamo ricordare in questo contesto anche l’opera di persone che hanno dato particolare supporto logistico e non solo nell’ambito delle giovanili: Paola Romeo, Remo Salmini, Claudio Casarotto. Un supporto infinito, disinteressato, con mezzi propri che supera ogni normale supporto tipicamente dovuto al coinvolgimento del proprio figlio. Siete andati oltre, siete stati papà e mamma di tutti i ragazzi delle under. Grazie infinitamente anche a voi.
Denis Drandic, ed anche in questo caso siamo di fronte a una persona straordinaria alla quale dobbiamo moltissimo in termini di supporto logistico ma soprattutto al quale dobbiamo molto in termini di serietà e responsabilità.
Guido Gregori, che ha aiutato la società ad accedere al meccanismo del 5×1000. Sappiamo che argomenti di questo tipo hanno una certa complessità e non saremmo mai riusciti ad accedervi se non fosse stato per il suo intervento. Grazie Guido per ciò che hai fatto, un minimo aiuto è di fatto sempre una grande cosa per una società sportiva come la nostra.
La mitica Dina, colei che si occupa di far sì che il Palazzetto Tacca e soprattutto il suo preziosissimo manto Gerflor siano sempre al top. Dina concede un supporto di grande impegno, nel quale spesso si trova a fare più fatica del dovuto semplicemente perchè talvolta i ragazzi non pensano che basterebbe gettare i rifiuti negli appositi contenitori o avere maggior rispetto delle cose comuni. A volte è ancor più dura constatare che la stessa responsabilità civica manca anche agli adulti. Avremo modo di sensibilizzare meglio a questo argomento, nel frattempo ringrazio Dina per la sua presenza e per il suo incessante aiuto.
E’ la volta del Dott. Marco Merlo, primario di Ortopedia all’ospedale di Busto Arsizio. Il Dott. Merlo dedica una attenzione particolare agli atleti della Pallamano Cassano attraverso una disponibilità fuori dal comune. Una risorsa di inestimabile valore che rende le situazioni nelle quali nessun atleta vorrebbe cadere meno traumatiche e di sicuro recupero. Grazie DOC per aver deciso di dedicarci il suo tempo.
E’ arrivato il momento di ringraziare Corrado Colombo presidente del Crenna. Con Corrado abbiamo avuto modo a partire dal Memorial 2017 di instaurare un rapporto di collaborazione basato su importanti valori etici. E’ nota a tutti la competizione che tipicamente si instaura tra società dello stesso comune o di comuni attigui come in questo caso, società che danno vita ai cosiddetti “derby”. Nel caso dei cugini del Crenna spesso si è andati anche oltre la competitività al punto tale da sfociare quasi nella “faida” seppur sportiva. Dunque ancor di più ha valore la possibilità di collaborare nell’intento comune di valorizzare lo sport della pallamano nelle nostre aree geografiche, cercando sinergie che di fatto hanno avvantaggiato entrambe le società. Un esempio evidente di tale dialogo è il travaso di atleti del settore maschile da Cassano a Crenna e l’operazione di accorpamento del comparto femminile che di fatto consentirà alle atlete del Crenna di militare nei campionati con la maglia della Pallamano Femminile Cassano Magnago. Oltre a ciò devo ringraziare Corrado e Cristina Muller per la disponibilità a condividere impegni come il memorial o i concentramenti di serie A2 e di B, mettendo a disposizione palazzetto e risorse umane. Grazie di cuore per questa apertura e complimenti per gli importanti risultati raggiunti con la sfiorata promozione in A.
L’occasione offerta da questa lettera consente l’opportunità di ringraziare anche i giornalisti ed in particolar modo Sergio Luoni e Federica Scutellà.
Il rapporto con i giornalisti per una società sportiva possono essere in alcuni casi “difficili”. Questo è dovuto alla logica contrapposizioni di chi come mestiere scrive notizie e chi a volte non ha notizie se non quelle che vuole dare secondo modi e tempi definiti dalle strategie di comunicazione.
Nel caso di Sergio Luoni, siamo di fronte ad un professionista che oltre ad essere nell’ambiente della pallamano da quando la pallamano esiste a Cassano, ha sempre dimostrare una grande intelligenza nel gestire il rapporto tra notizia, informazione e gossip.
Federica Scutellà è una giornalista moderna, sempre “sul pezzo”, scrive per testate online e dunque la velocità fa la differenza. Devo dire che Federica è sorprendente da questo punto di vista: non fa in tempo a finire la partita che è possibile trovare l’articolo online spesso con tanto di commenti a caldo…soprattutto quando si vince 😉
Anche con Federica si è stabilito un rapporto di reciproca fiducia che dura da tempo. Ringrazio formalmente e personalmente entrambe per l’immenso lavoro e per l’approccio alla “notizia”.
Siamo in dirittura d’arrivo, è il momento delle autorità. Nel caso del nostro sindaco Nicola Poliseno devo dire che un semplice ringraziamento non può essere abbastanza. Nicola è un sindaco moderno: ha avuto la lungimiranza di capire quanto importante fosse la possibilità di usufruire delle strutture comunali disponibili sul territorio con un adeguato utilizzo, fattore che ha poi consentito di raggiungere dei risultati sportivi e sociali incredibili.
Un sindaco che sa usare le tecnologie ed i social, dunque sfruttando appieno questi strumenti è in grado di far sentire il suo apporto e la sua opinione in modo diretto e praticamente in tempo reale rispetto al momento in cui accadono le cose. E dunque oltre a tutto quello che fa per la pallamano devo ringraziarlo per questa costante presenza a colpi di like, commenti, condivisioni ed anche suoi post personali. Grazie sindaco, grazie Alessandro Passuello, assessore allo sport e grazie al comune per le infrastrutture e per il supporto a tutte le nostre iniziative e la dott.ssa Doriana Mantegazza che sempre ben collabora affinchè le nostre iniziative abbiano successo.
Impossibile non ringraziare tutti i nostri sponsors grandi o piccoli non ha importanza in questa sede. Essi sono la linfa vitale del nostro movimento. Senza di loro tutto ciò che si realizza non sarebbe mai stato possibile. Ringraziarli tutti nominalmente sarebbe doveroso ma la loro presenza è ben visibile a tutti tramite gli spazi a loro dedicati. Siamo certi però che loro per primi vivono con orgoglio la possibilità di aiutare un movimento così dinamico e di successo fattore importantissimo anche per la crescita dei nostri giovani.
Ciò premesso ci sentiamo di ringraziare personalmente l’Ing. Roberto Rambaldini, Il dott. Marco Monti, Il Sig. Leonida Zoia, Il Sig. Marco De Campo, I Sigg.ri Cantù, la Sig.ra Cristina Puttin, l’Ing. Bruno Banfi, il Sig. Franco Clerici, i f.lli Toniolo e Sig. Ambrogio Cerea, il Sig. Fabio Visentin, il sig. Luido Moroni, il Sig. Michele Giroldi, i Sigg.ri Apruzzese, i Sigg.ri Capobianco, la sig.ra Barbara Crespi, i F.lli Soldà, il Sig. Alfredo Bromuri, il Sig. Sandro Dalla Costa, il Sig. Silvano Furlotti, i f.lli Coghi, i F.lli Martinelli, il Sig. Ubaldo Colombo, il Sig. Mauro Pozzan, la Sig.ra Paola Vian ed il Sig. Roberto Amadeo, i Sigg.ri Colascilla, il Sig. Paolo Rolandi.
E per finire dobbiamo ringraziare il “deus ex machina”, il motore di tutto, colui che ha dato la scintilla e che ancora oggi la tiene accesa: Massimo Petazzi. Massimo è ovunque, pensa a qualsiasi cosa, non si perde una partita, sta in panchina con senior, under e scuole. La sua passione è infinita, forse non arriviamo alla sua sommando tutte le nostre. Grande competenza tecnica, visione strategica e capacità di gestire il cambiamento. Una infinita capacità di raggiungere obiettivi di altissimo livello ottimizzando tutte le risorse a disposizione. Quel Massimo Petazzi, sanguigno, spesso burbero a volte in acceso contrasto con allenatori, dirigenti, e genitori è a lui che dobbiamo tutto. Dunque Massimo è per questo che ti ringrazio infinitamente, e ti ringrazio anche per lo sforzo dimostrato nel voler cominciare a concedere a qualcuno di poter fare almeno una piccola parte del tuo infinito lavoro.
Una lettera “lunghina” a dimostrazione del fatto che dietro ai risultati ci sono idee, strategie, scelte…ma anche e soprattutto tante, tante persone che trasformano l’immateriale in materiale.
A tutti voi che ho menzionato, a tutti coloro che dovessi aver dimenticato, a tutti coloro che in questi 44 anni hanno dato supporto al movimento fino al raggiungimento di questi importanti traguardi dico grazie, questi risultati sono anche vostri!
Quanto abbiamo ottenuto ad oggi lo consideriamo come un nuovo punto di partenza. Si perchè tutto può migliorare, tutto può cambiare in meglio ma soprattutto riteniamo che i risultati sportivi siano un importante elemento di valutazione ma non l’unico. Ci sono tanti aspetti nel quale possiamo e dobbiamo migliorare, ci sono molti argomenti che se valutati e organizzati possono far sì che tutti possano fare meno fatica, che si possa pianificare con maggiore anticipo e dunque si possano trovare anche un maggior numero di sostenitori che vogliano collaborare in questa grande impresa.
Per la nuova stagione abbiamo in serbo importanti novità, alcune di queste avrete modo di apprezzarle già durante il Memorial Tacca, altre verranno durante l’arco dell’anno. Novità orientate a migliorare ulteriormente la comunicazione, lo spirito di squadra e l’organizzazione generale della società.
Non mi resta che concludere citando l’amico Luca Basile: “Buona Pallamano a tutti”.
Cristiano Braggion
Presidente
Cassano Magnago Handball Club