Cogli l’attimo, è questo il riassunto della vittoria contro l’imbattuta capolista Bolzano.
E si perché se bisogna ammettere che le assenze di Sporcic, Volarevic e Gaeta hanno diminuito di molto il potenziale degli ospiti, dall’altro lato va riconosciuto a mister Kolec di aver preparato bene la partita proprio considerando queste assenze ed ai ragazzi in casacca amaranto di aver interpretato alla perfezione il copione loro proposto.
Si cominciava quindi a ritmi forsennati, se possibile ancora più alti di quelli già di per se elevati a cui il Cassano ci ha abituato in questa stagione, proprio per approfittare delle poche rotazioni di qualità a disposizione di mister Fusina. Il rovescio della medaglia di tutto questo correre era qualche pallone di troppo lasciato per strada, a volte in maniera anche banale e questo impediva ai nostri ragazzi di allungare nel punteggio fin da subito come sembrava essere alla loro portata.
Un primo timido allungo sul 9-6 veniva subito smorzato dalla panchina altoatesina con un timeout, che rimetteva in carreggiata il Bolzano e si andava negli spogliatoi con il minimo vantaggio di 2 reti sul 12-10.
Nella ripresa il Cassano continuava a spingere sull’acceleratore fino al massimo vantaggio 16-12 al decimo ma nella pallamano, si sa, i capovolgimenti di risultato sono sempre possibili e mister Fusina ancora una volta si giocava in largo anticipo la chiamata del timeout e dava evidentemente le giuste indicazioni ai suoi giocatori che con un break di 4 reti riportavano nuovamente le squadre in assoluta parità a metà ripresa.
Il punteggio a questo punto proseguiva senza ulteriori strappi in avanti, con botta e risposta continui da un fronte all’altro, al gol di Dorio ribatteva Moretti, al gol di Fantinato ribatteva Turkovic, sempre con il Cassano in vantaggio ed il Bolzano che pareggiava senza però mai nel corso di tutta la partita riuscire a portarsi avanti neanche di una sola rete.
Il gol decisivo è del guerriero Ivan Scisci, a lungo in panchina per una botta sul muscolo della coscia ma rientrato proprio negli ultimi minuti di gara, seppur zoppicante, e capace di gonfiare la rete avversaria per il 23-22. Mancano ancora 3 minuti al termine ma incredibilmente non ci saranno più altre reti, complice anche una stupenda parata di Marco Calandrino ed al fischio finale può finalmente esplodere la gioia al PalaTacca!
Scacco Matto,il re è caduto ed il Bolzano deve accusare la prima sconfitta stagionale, ora testa alla prossima trasferta di Merano per mantenere vive le purtroppo poche speranze di arrivare quarti nel girone.